...
In bici con il Durello
Condividi

Si può correre una granfondo in tanti modi: per arrivare primi, per migliorare se stessi, per restare in forma o perdere qualche chilo, per godersi il paesaggio. A ognuno il suo.

La bicicletta è una passione che prende per tanti motivi diversi e che ha preso anche noi, catturati dal fascino magnetico di uno sport diventato oggi ipertecnologico ma sempre estremamente umano. Un po’ la nostra filosofia: coniugare le meraviglie della tecnica con quelle abilità manuali e quella mentalità artigianale che rendono ogni cosa unica.


30 aprile 2017

Il 30 aprile sarà un giorno speciale e non vediamo l’ora che arrivi per fare la nostra parte alla “Granfondo Durello”, una delle tappe più rodate del progetto “Lessinia Tour” che da qualche anno porta grandi e piccini in giro per i nostri monti in sella a una mountain bike alla ricerca di emozioni nuove e tanta buona compagnia.

Partenza fissata a San Giovanni Ilarione, poco distante dalla nostra sede, e poi via tra ciliegi in fiore, vigneti di Durello e pareti di basalti colonnari. L’edizione di quest’anno riserva inoltre una sorpresa: un percorso totalmente modificato che raggiungerà la “Pesciara” di Bolca, uno dei giacimenti fossiliferi più famosi al mondo, risalente a 50 milioni di anni fa.


Volete arrivare pronti?

Per correre in bicicletta bisogna sempre essere allenati. Che voi siate dei cicloamatori o dei professionisti, è molto importante che non prendiate “sotto gamba” appuntamenti come questo, cercando magari di seguire le indicazioni di qualche esperto.

Innanzitutto non sottovalutate l’alimentazione, sia nelle settimane che precedono la competizione che il giorno stesso. Anzi, soprattutto il giorno stesso! Il pasto prima dell’uscita deve garantire un rifornimento energetico con il minimo impegno digestivo e non deve essere consumato a meno di tre ore dalla competizione. Che si tratti di una colazione abbondante o di un pranzo “frugale”, prediligete frutta, cereali e magari una buona dose della nostra ricotta, semplice e leggera ma capace di dare la carica giusta!


È molto importante infatti mantenere la glicemia stabile, integrando a carboidrati e zuccheri una fonte proteica, per dare equilibrio. La ricotta è considerata il più nobile dei latticini grazie alle qualità e all’altissimo valore biologico delle proteine presenti, insieme alla loro facilità di assimilazione.

Un ultimo suggerimento: non sapete cosa bere? Prima solo acqua, mentre durante la corsa possono essere molto utili i sali minerali diluiti in qualche liquido.

E non dimenticatevi che al termine della fatica potete togliervi qualche soddisfazione concedendovi una delizia a vostro piacere, magari scelta fra i dessert e le sfiziosità di Elda!