...
Micronutrienti nella ricotta
Share

Oggi vi portiamo nel mondo dell’infinitamente piccolo per scoprire dei particolari componenti degli alimenti: i micronutrienti. In particolare vi mostreremo quali sono i micronutrienti presenti nella ricotta e le loro proprietà. Conoscete già le whey protein: le proteine dall’elevatissimo valore biologico presenti nella ricotta, che la rendono un alimento ideale per gli sportivi. Ora parliamo invece di sali minerali, vitamine e oligoelementi: le tre categorie che formano i micronutrienti.


Calcio e fosforo

I sali minerali sono composti inorganici necessari al funzionamento di tutti gli organismi viventi. Nella ricotta ne troviamo in particolare uno, il calcio, nonché una discreta quantità di fosforo. Due elementi coinvolti in numerose funzioni corporee, ma importanti soprattutto perché combinandosi tra loro formano i “mattoni” delle nostre ossa. Per questo il consumo di ricotta contribuisce al normale sviluppo dello scheletro, rendendola ideale per l’alimentazione dei bambini.


Vitamine A ed E

Le vitamine, al contrario dei minerali, sono composti organici che tuttavia l’organismo umano non è in grado di sintetizzare autonomamente in quantità sufficiente. La ricotta è una fonte di vitamina A, detta anche retinolo. Una molecola nota soprattutto come... ingrediente delle creme antirughe! Tra le funzioni che svolge nell’organismo, infatti, c’è anche quella di antiossidante e di contrasto ai radicali liberi. Una qualità che condivide con la vitamina E, anch’essa presente nella ricotta in modesta quantità.

Altri oligoelementi

Aumentando ancora di più lo zoom del nostro microscopio troveremo anche oligoelementi nutritivi presenti in piccole quantità nella ricotta. Tra questi il selenio, un metallo che ha un ruolo in diversi processi metabolici - specialmente come antiossidante -, e il magnesio, importante per la produzione di energia e la trasmissione degli impulsi nervosi, ma anche per favorire le condizioni fisiologiche del buonumore! Nella ricotta, infine, sono presenti tracce di zinco e rame, essenziali per il funzionamento di ormoni ed enzimi.


Equilibrio sodio-potassio

Un altro pregio della ricotta, che la rende un alimento interessante a tutte le età, è quello di avere un ridotto contenuto di sodio. È noto infatti che un eccesso di questo elemento causa ipertensione e aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. Nella ricotta inoltre il sodio si trova in buon equilibrio col suo antagonista naturale: il potassio. Un oligoelemento utile anche nel ridurre la ritenzione idrica, coordinare la contrazione muscolare (scongiurando i crampi) e la trasmissione nervosa.

Avete qualche domanda sulle proprietà nutrizionali della ricotta? Condividetela con noi: vi risponderemo con piacere.