...
Le anguane e la magia della ricotta
Share

Oggi vogliamo raccontarvi una leggenda del nostro territorio. Una leggenda legata anche al nostro lavoro: la produzione della ricotta. È la leggenda delle anguane: creature magiche che popolano le leggende popolari delle valli venete. Secondo il mito, sarebbero state proprio queste creature del bosco, metà fate e metà streghe, ad insegnare agli abitanti della zona a ricavare i suoi bianchi fiocchi dal siero di latte.


Ricotta mitica

Vi avevamo già parlato in un precedente post di come la storia della ricotta, in diverse epoche ed aree geografiche, sia oggetto di miti e leggende. Questo probabilmente perché il modo in cui nasce ha effettivamente in sé qualcosa di magico, tale da stimolare la fantasia. Non ci siamo stupiti più di tanto quindi quando abbiamo scoperto che anche nel nostro territorio le origini della ricotta vengono attribuite a creature incantate.


Le anguane

Le anguane sono creature ambivalenti come le forze della natura. A volte bellissime e generose, pronte a soccorrere le persone difficoltà. Altre, vecchie megere che ingannano e derubano gli umani. Comune denominatore tra questi due aspetti è il loro vivere schivo nel bosco, in particolare vicino alle sorgenti e ai corsi d’acqua. E il loro essere dotate di una conoscenza e di poteri soprannaturali.


Arte casearia

Le anguane, che dalle legende vengono descritte mentre lavano le loro vesti bianche nei torrenti durante le notti di luna piena, vengono spesso associate a una funzione educativa. Sono note in particolare per la loro conoscenza delle proprietà curative (o venefiche) di erbe e fiori. Secondo alcuni racconti, inoltre, sarebbero state proprio loro ad insegnare agli uomini anche l’arte “magica” di produrre il formaggio e la ricotta.


Leggende cimbre

Queste “casare leggendarie” non sono le uniche creature magiche dei nostri boschi. Ci sono anche il “salbanello”, folletto dispettoso, e l’“omo salbego”, o orco. Secondo gli studiosi, queste creature, che compaiono nei racconti di tutto l’arco alpino nord orientale, sono eredità dei cimbri: coloni germanici giunti qui nel Medioevo. A noi, comunque, piace pensare che dietro a queste leggende ci sia un fondo di verità e che nel nostro lavoro ci sia davvero… un pizzico di magia!

E i boschi di casa vostra sono popolati da creature leggendarie? Raccontateci quali!